Home Senza categoria Consigli per l’uso dei robot per piscina

Consigli per l’uso dei robot per piscina

1442
0
SHARE
piscina intex

L’utilità dei robot da piscina

La piscina è un lusso divertente e gradevole da avere in casa, sia che si tratti della classica piscina interrata, che di una fuori-terra. La sua manutenzione è un aspetto fondamentale e non trascurabile, sia sul profilo igienico-sanitario che per una mera questione di funzionalità, estetica e durabilità stessa della piscina.

Un aiuto fondamentale, viene dai nuovissimi robot per piscina. Simili come concetto ai robot lava-pavimenti, sono studiati appositamente per passare lungo il fondale e in alcun modelli anche le pareti della piscina, aspirando e grattando via lo sporco superficiale direttamente in immersione a piscina piena.

Si tratta dunque di un macchinario per la manutenzione frequente della piscina e non per la pulizia grossolana, studiato per rimuovere in genere tutti quei corpi estranei che di norma possono cadere all’interno della vasca ed essere parecchio difficili da rimuovere manualmente: sassolini, fogliame minuto e piccoli corpi estranei.

Alcuni modelli funzionano con lunghi cavi normalmente attaccati alla corrente ed un piccolo quadro di comando, garantendo una massima sicurezza grazie ad accessori importanti come tubi e isolanti per la protezione dei cavi.

Gli ultimissimi modelli invece, esistono anche nelle innovative versioni wireless, senza filo. Trattandosi di un prodotto tanto utile quanto importante sul profilo della spesa, è bene informarsi con attenzione prima dell’acquisto di uno specifico modello e documentarsi circa alcuni importanti consigli per l’uso dei robot per piscina.
Vediamo dunque insieme i principali suggerimenti.

La sicurezza

La sicurezza va sempre al primo posto! Uno dei consigli iniziali per l’uso dei robot da piscina è dunque curarsi della corretta impostazione del robot. Bisogna tenere presente che, per quanto essi siano studiati per essere sicuri, vengano testati per avere un’ovvia impermeabilità in modo da poter stare immersi agevolmente, sono pur sempre macchinari elettrici.

Fondamentale dunque seguire le istruzioni ed evitare tassativamente il fai-da-te sbrigativo quando si tratta di utilizzare eventuali prolunghe per collegarli alla corrente. Esistono in commercio appositi tubi protettivi sigillati in cui far passare i cavi, ed accessori che aiutano ogni determinato robot a svolgere senza rischi il proprio lavoro.

Un altro metodo per assicurarsi di evitare pericolosi incidenti, o di danneggiare direttamente il robot con sbalzi di corrente da prolunghe inaffidabili, è quello di installare un quadro di comando apposito nelle immediate vicinanze della piscina, in modo da consentire di arrivare alla corrente in totale comodità e sicurezza.

La scelta del giusto robot

automatic pool cleaner Intex
Robot pulisci piscina automatic pool cleaner della Intex

Come abbiamo visto anche nell’introduzione, ci sono modelli differenti di robot e modelli differenti di piscine. Uno dei consigli forse più sottovalutati per l’uso dei robot per piscina, riguarda proprio la loro corretta scelta a monte. Inutile partire insomma da un robot pensato per una piscina interrata quando ne si possiede una fuori-terra.

Bisogna prestare attenzione dunque e farsi consigliare o documentarsi, in modo da poter partire con lo strumento giusto per la piscina giusta, sia in termini di forma o materiali che di dimensioni della stessa.

Consigli per l’uso e il mantenimento ottimale dei robot per piscina

A nessuno piace comprare e sprecare preziose risorse per colpa dell’incuria e della disattenzione, specialmente se si tratta di oggetti costosi e utili. Nel caso dei robot da piscina, vi sono alcuni importanti accorgimenti che possono contribuire ad allungarne notevolmente la vita e garantirne il perfetto funzionamento nel tempo.

  • Evitare di lasciare il robot a mollo in piscina dopo l’uso: l’acqua della piscina, in quanto sottoposta a trattamenti chimici e aggiunte come il cloro, alla lunga potrebbe intaccare il robot. Per quanto questo sia fatto chiaramente per sopportare le immersioni, inutile prolungarne le prove di tenuta e resistenza a vuoto. Meglio vincere la pigrizia ed estrarlo dopo ogni uso.
  • Evitare l’esposizione prolungata al Sole e le intemperie, in ogni stagione: per quanto il macchinario sia progettato per resistere all’usura e umidità, dopo ogni utilizzo meglio riporlo al riparo e all’asciutto per evitare logoramento di plastiche e componenti che l’esposizione agli agenti atmosferici può purtroppo comportare.
  • Conservare correttamente il robot: nei punti precedenti abbiamo sottolineato l’importanza del riporre il macchinario dopo l’uso, ma anche questo semplice accorgimento deve essere fatto bene. Bisogna evitare di schiacciare ad esempio le spazzole del robot abbandonandolo per mesi in piedi senza un apposito supporto.
  • Eseguire una corretta manutenzione: infine, come tutti gli elettrodomestici che si occupano di pulizie, anche i robot per piscina vano puliti. Meglio smontare e pulire puntualmente i filtri.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here